Chef Eduardo Valle Lobo: «Preferisco le donne in cucina…»

Più letti

A Monfalcone, GEOgrafie: il festival che dà parola ai libri

Al via mercoledì 2 ottobre la prima edizione di GEOgrafie Festival. Scrivere la terra, leggere la terra,...

EIN PROSIT 2019: Nemo Propheta In Patria

Nemo Propheta in Patria perché la gloria parla sempre un’altra lingua e il mondo a volte accoglie più...

Grande successo per pordenonelegge 2019

I dati reali sulle vendite dei libri e i dati virtuali legati ai social e al sito del festival confermano il successo della 20a edizione.
Marco Velliscig
Amante del buon cibo! Appassionato di fotografia, viaggi, storia antica e web marketing. Curioso e desideroso di migliorare.

Lo chef madrileño Eduardo Valle Lobo dopo una formazione eclettica in varie città europee approda a New York lavorato come Chef per il ristorante Del Posto  successivamente rientra in Europa al Ristorante Orsone di Cividale del Friuli, creando piatti internazionali con prodotti locali, unendo sapori spagnoli, americani ed orientali.

Non disprezza la cucina vegetariana, anzi.. lavorando in un ristorante giapponese di Londra ha avuto la possibilità di capire e imparare che anche solo il modo con cui vengono mondate e tagliate può influenzare il sapore.

Come una brigata di cucina può essere una squadra di calcio vincente?

Tutti i componenti della brigata pensino di lavorare meglio del giorno prima. Buona armonia e buone relazioni tra i giocatori o i colleghi; non solo in cucina ma anche in sala. “Spingere tutti assieme”!!

C’è il luogo comune che non ci sono differenze tra spagnoli ed italiani, invece ce ne sono molte! Cosa ti piace di più degli italiani?

Bè, gli italiani sono molto simili rispetto a noi, abbiamo gusti simili ma non perché siamo latini, anche i francesi lo sono, ma non sono uguali che a noi.

Una curiosità. Come sono le donne chef? E’ vero che molti tuoi colleghi non sopportano le donne in cucina?

Ti dico la verità, ma non dirlo a nessuno… Preferisco le donne rispetto agli uomini in cucina, sono più organizzate, pulite e più lavoratrici di certi uomini, salvo qualche eccezione.

Qual è la cosa più importante per il successo di uno Chef?

Gli ingredienti sono la cosa più importante, in seguito che lo chef gli deve saper usare. Come diceva Paul Bocuse ci sono solo due cucine la buona e la cattiva.

Cosa consiglieresti ad un ragazzo che vorrebbe diventare uno Chef?

Qualunque cosa faccia deve essere sicuro perché è una professione molto bella ma anche molto dura e richiede molti sacrifici dove si deve sempre imparare qualcosa.

Parliamo un po’ di cibo e salute: Cosa ne pensi dell’aforisma di Ippocrate: “Fa che il Cibo sia la tua Medicina e che la Medicina sia il tuo Cibo”.

Siamo ciò che mangiamo.

Hai lavorato per anni con la cucina italo-americana. Come potrebbe essere un piatto italo-spagnolo? Ci dai un’idea veloce??

Molto semplice: fideua de gandia invece dei fideos usare degli spaghetti spezzettati.

Questa veloce chiacchierata è terminata. Ci ha fatto molto piacere conoscere uno chef internazionale. Ringraziamo di cuore lo Chef Eduardo.  Buena suerte per tutti i suoi progetti futuri!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

A Monfalcone, GEOgrafie: il festival che dà parola ai libri

Al via mercoledì 2 ottobre la prima edizione di GEOgrafie Festival. Scrivere la terra, leggere la terra,...

EIN PROSIT 2019: Nemo Propheta In Patria

Nemo Propheta in Patria perché la gloria parla sempre un’altra lingua e il mondo a volte accoglie più della propria casa. Vero nella vita...

Grande successo per pordenonelegge 2019

I dati reali sulle vendite dei libri e i dati virtuali legati ai social e al sito del festival confermano il successo della 20a edizione.

La cultura del cibo protagonista a Pordenonelegge

Pordenonelegge festeggia la sua 20° edizione con i grandi nomi della letteratura italiana e internazionale, in un programma che unisce firme consacrate...

Ecco le star attese alla kermesse goriziana Gusti di Frontiera

Ricchissima di proposte anche quest’anno la prestigiosa “finestra” culturale di “Gusti di Frontiera”: il “Salotto del Gusto” –a cura del Consorzio Collio,...

More Articles Like This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi